Caricamento...

Argilla ed oli essenziali

Una sinergia efficace

a cura di Cristian Testa

L’argilla è un rimedio importante che possiede proprietà curative notevoli. È pertanto considerata uno strumento insostituibile del naturoigienismo. Gli effetti osmotico e drenante dell’argilla associati alle sue caratteristiche antinfiammatorie permettono dei risultati mirabili a livello sia osteoarticolare sia addominale.

Come possiamo utilizzare l’argilla?

oli-essenzialiL’argilla è anche un ottimo veicolo per gli oli essenziali in quanto presenta buone capacità emulsionanti e un ottimo profilo di assorbimento. Essendo inoltre il contatto tra pelle ed olio prolungato, il rilascio del fitocomplesso risulta graduale ed efficace. Un altro vantaggio è l’applicazione locale, poiché l’olio viene assorbito in regioni selezionate del corpo migliorandone la propria azione.

Per quali problematiche è utile l’argilla?

Particolarmente interessante è l’approccio curativo dell’argilla medicata nei confronti della febbre gastrointestinale. Tale patologia è la manifestazione di un dismicrobismo intestinale dove la presenza di batteri anomali o patogeni intestinali (salmonella, shigelle, candida, campilobacter, etc) è un riscontro comune. Infatti si osserva che la qualità del cibo industriale è sempre più mediocre e che l’uso indiscriminato di antibiotici in zootecnia ha reso questi batteri largamente diffusi nella catena alimentare e resistenti agli antibiotici. I batteri generano fermentazioni che producono metaboliti tossici; questo fenomeno provoca infiammazione intestinale e congestione linfatica e circolatoria, che permettono l’instaurarsi di una condizione che cronicizza nel tempo.

Come utilizzare gli oli essenziali con l’argilla?

Al riguardo, gli oli essenziali sono un’arma sicura per la pulizia dell’intestino. L’utilizzo appropriato delle essenze permette l’eradicazione della maggior parte dei batteri patogeni intestinali, ma considerata necessaria la cautela per l’utilizzo interno degli oli essenziali, l’applicazione dell’impacco di argilla medicata risulta essere un sistema più sicuro e allo stesso tempo efficace. Inoltre la preparazione dell’argilla medicata è a bassi costi e il suo utilizzo è ben tollerato anche nei bambini e nei soggetti più sensibili.

Quali oli essenziali possiamo utilizzare con l’argilla?

Oli essenziali come la salvia, il basilico, il rosmarino, il limone o la menta presentano proprietà antimicrobiche ma allo stesso tempo antinfiammatorie, depurative e stimolanti e 5 o 6 gocce di questi composti sono sufficienti per dare ad un impacco di argilla una duplice forza curativa.

Gli oli essenziali più adatti a noi?

Con un po’ di esperienza è poi possibile creare delle sinergie curative associando l’uso empirico del rimedio all’uso dell’essenza “di terreno” della persona.

Ogni individuo presenta delle caratteristiche endocrine e vagotoniche uniche e l’olio di terreno è quello in grado di modulare e regolare gli aspetti costituzionali dell’individuo. Per esempio un individuo simpatico tonico riceverà beneficio dall’utilizzo dell’olio essenziale di lavanda ad azione inibitoria sul sistema nervoso simpatico. O ancora, un individuo pletorico riceverà beneficio dall’utilizzo dell’olio essenziale di limone, ad azione fluidificante ed antiaggregante sul sangue.

Argilla e oli essenziali per la febbre gastrointestinale

aromaterapiaAlla luce di questo la febbre gastrointestinale è una condizione patologica che si somma ad un tipo costituzionale preesistente e l’argilla medicata risulta un rimedio utile sia per curare la febbre gastrointestinale sia contemporaneamente per ristabilire un equilibrio costituzionale. Pertanto un utilizzo personalizzato dell’argilla prevede l’associazione a diversi oli al fine di ottenere un effetto potenziato.

L’organo che è a contatto con l’impacco è la pelle, sistema complesso ricco di terminazioni nervose e sede fondamentale della modulazione immunitaria. Trattare la pelle significa portare informazioni di diversa natura al nostro organismo (termiche, osmotiche, chimiche, immunitarie) e la durata dell’applicazione dell’argilla dà il giusto tempo all’organismo per integrare ed elaborare tutte queste informazioni sottili.

Affinando le proprie conoscenze in questa particolare tecnica di aromaterapia, il naturopata può risvegliare con maggior efficacia la forza guaritrice della natura presente in ogni organismo.

Sarebbe però un grave errore pensare che gli oli veicolati dall’argilla da soli possano far tornare l’individuo nello stato di salute. Credo sia doveroso sottolineare quanto sia importante associare all’uso degli oli essenziali (e di qualsiasi preparato erboristico od omeopatico) uno stile di vita adatto alle proprie condizioni: cibo, acqua ed esercizio fisico sono i determinanti fondamentali per la salute.

Altri articoli interessanti…

“Costacurta diceva”: Quale Medicina?

2020-03-16T18:27:29+01:00